Cambiare parte 2

Anal

Cambiare parte 2
Decisi di accarezzargli il petto, disegnandogli arabeschi sulla pelle con la punta delle dita, sostituite poi dalla bocca, gli leccai i capezzoli turgidi, succhiandoli e mordicchiandoli piano. Poi scesi all’ombelico e tracciandone il contorno umido con la lingua, continuai il mio percorso discendente fino a raggiungere il suo pene eretto. Quando lo presi tra le mani per sfiorarlo dolcemente, lo sentii tremare e gemere. Sorridendo, lo feci sdraiare sul divano, presi la cappella tra le labbra e iniziai a succhiare, avvolgendo la punta con la lingua, per poi scendere lungo l’asta e lasciare una scia umida di saliva. Lo sentii gemere, quello che gli stavo facendo gli piaceva parecchio, cercai il suo sguardo, aveva gli occhi semichiusi e tremava lievemente. Lo presi in bocca per quanto riuscissi a farlo entrare, mi piaceva il sapore, scesi sulle palle e le leccai, lo sentii fremere di piacere mi fermai prima che il divertimento finisse prima di raggiungere la sua massima portata. Mi rialzai e gli baciai la bocca, il mio sapore si mescolò al suo. Ci baciammo a lungo, appassionatamente, le nostre lingue dardeggiavano, ora lo volevo dentro di me, scivolai sul suo corpo e mi calai sul suo pene eretto. La sensazione che mi dava l’averlo dentro era fantastica, mi sentivo piena e posseduta. Iniziai a muovermi piano, lentamente, per poi accelerare poco a poco. Gemetti per il piacere, sue mani mi accarezzavano la schiena e i glutei, fino a giungere al punto dove i nostri corpi si univano, intanto gli accarezzavo i capelli, il volto, le spalle. Lo attirai verso di me e lo baciai nuovamente, profondamente, in modo da non urlare per il piacere provato. Il ritmo delle spinte aumentò, rotolammo giù dal divano, fece in modo di trovarsi sopra di me, mi sollevò le gambe e prese a penetrarmi con ancora più vigore. I miei gemiti si fecero ancora più forti e lo incalzai dicendogli di possedermi con più forza, con più passione. Le sue mani stringevano i miei seni e stimolavano i capezzoli aumentando così il mio godimento tanto che passando le unghie sulla schiena, lo graffiai, non se ne accorse nemmeno, il piacere provato era troppo forte. Aumentò il ritmo, si mosse con più decisione. Sentii le sue mani scendere sulla pancia facendomi il solletico, proseguì il percorso toccandomi il clitoride, ero talmente bagnata che i miei succhi colavano lungo le cosce e inumidivano il buchino. Mi mise un dito in bocca, me lo fece succhiare a lungo, ci giocai con la lingua e lo leccai avidamente. Lo sentii poi inserirsi nel mio buchetto, mi sentivo veramente posseduta e sua. Mi chiese se mi poteva inculare e alla mia risposta affermativa mi fece mettere alla pecorina, con il sedere esposto. Mi baciò i due buchetti e me li leccò rendendoli ancora più scivolosi. Ero eccitata all’inverosimile, bramavo che mi possedesse. Le sue mani su di me erano forti e ferme, mi piaceva il suo modo di toccarmi. Ero in preda al delirio, lo volevo dentro, desideravo che mi sfondasse e che mi prendesse in tutti i modi possibili. Lo sentii avvicinarsi al mio buchetto, percepii la punta che entrava e mi prendeva lentamente, cercai di rilassarmi il più possibile per agevolargli l’accesso al mio sedere. Iniziò a muoversi adagio, il suo pene mi riempiva completamente, mi sembrava di esser impalata su un’asta bollente. I nostri corpi si muovevano all’unisono, portandoci sempre più vicini all’orgasmo. Sentii le sue mani accarezzarmi la schiena, il seno, il sedere, per poi raggiungere il clitoride e stimolarlo. Venni urlando, il piacere procuratomi mi portò a un orgasmo esplosivo, lui venne dopo poco riempiendomi il ventre di seme caldo. Ci accasciammo sul divano esausti. Ci guardammo negli occhi, convenendo che forse era meglio riposare un po’ per poi ricominciare.

Bir cevap yazın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir