Vacanza studio alla Maddalena

Vacanza studio alla Maddalena
Eccomi amici.. oggi voglio raccontarvi di un’avventura accadutami poco prima degli esami di maturità.. tranquilli ..poi ritornerò a raccontare le avventure della giovane Liana…

Mancava un mese agli esami di maturità, i proff ci avevano consigliato di isolarci per riordinare le ideee o approfondire quello che non eravamo sicuri di sapere, oppure continuare a seguire le lezioni se pensavamo di non essere pronti ad affrontare gli esami.
Da parte mai mi sentivo abbastanza preparata,l’unica cosa che desideravo era quella di isolarmi per un po’, andarmene lontano dalla pressione della famiglia e degli amici.
Trovare un posto tranquilla, caldo ed isolato verso la fine di Giugno non era difficile, la mia scelta cadde sulla Sardegna e precisamente sull’isola della Maddalena.
Trovai una piccola pensione situata nella parte nord dell’isola e precisamente a Porto Massimo, più isolata di così!
Aereo fino ad Olbia, pullman fino a Palau, traghetto per La Maddalena e ancora Pullman fino a Porto Massimo.
La pensione è veramente carina,ben curata e con un panorama incredibile sulle isole di Spargi e Budeli, per non parlare che si vedeva benissimo anche la Corsica, si avevo scelto bene come rifugio.
Unica pecca non aveva connessione con internet.
Chiesi ai titolari dove avrei potuto trovare un computer,va bene isolata,ma ci tenevo a tenermi in contatto con gli amici e poi dovevo fare anche delle ricerche.
Mi dissero che c’era un internet-cafè in paese che distava un paio di Km,oppure in una villetta ad un centinaio di metri c’era una coppia di pensionati con il signore appassionato di navigazione in internet.
“si rivolga a loro vedrà che non le negheranno la possibilità di usare il computer,anzi se vuole questa sera verranno a cena,la presenterò e potrà chiederglielo”
“che posso dire,grazie a questa sera allora”
Mi sistemo e faccio un giretto per il porto,un posto veramente fantastico,anche se fare 4 Km (andata e ritorno) per andarci,sono parecchi.
Ora di cena,arrivano due signori,sono quelli della villetta,vengo presentata e la padrona perora la mia causa,fu l’uomo a rispondere
“signorina non si faccia riguardo può usare il computer quando vuole e a sua disposizione”
“la ringrazio poi mi dirà cosa le devo per il disturbo”.
A questo punto parlo la moglie.
“non lo dica nemmeno per scherzo,fa piacere avere qualcuno per casa”
“grazie mi lasciate senza parole”
“non dica nulla e domattina venga che le facciamo vedere il computer”
“va bene a domani”
Qui serve una breve descrizione deile persone, lei una donna molto curata ed elegante,lui un uomo sulla sessantina (non l’ho indovinato me l’aveva detto la padrona della pensione), fisico asciutto,capelli brizzolati ed una carnagione parecchio abbronzata, ah! il suo nome, Marco, quello di lei Letizia.
Erano giorni che frequentavo la loro casa,ero veramente riconoscente al proprietario della villa,mi risparmiava di andare in un computer-cafè,oltretutto ero più tranquilla.
Ora i più smaliziati di voi si starà chiedendo cosa voleva in cambio? Non ci crederete ma per il momento nulla, gli bastava guardarmi.
Resami conto di questa sua debolezza e a mo di ringraziamento, a volte andavo senza reggiseno con la camicetta sapientemente sbottonata, altre volte in minigonna in modo da fargli vedere le mutandine,altre ancora con un paio di pantaloncini un pò larghi che lasciavano uscire un pò di pelo, non avevo programmato di mettermi il costume e perciò non mi ero depilata.
Lui era sempre presente nella stanza che poi era lo studio, faceva finta di avere qualcosa da fare, ma non perdeva occasione per far cadere qualcosa a terra per poi doverla raccogliere o venire a vedere cosa stavo facendo,mettendosi alle mie spalle.
Sinceramente quel gioco, mi stava eccitando, tanto che un giorno decisi di andare con la minigonna più corta che avevo e senza indossare le mutandine.
Mi sedetti al computer,aspettai che facesse il solito giochino di far cadere a terra qualcosa,quando si inginocchio,allargai le gambe
Amici se non gli venne un colpo, poco ci mancò, ci mise un po’ a rialzarsi e poi andò direttamente in bagno,non prima di farmi vedere la protuberanza che aveva all’inguine.
Aspettai qualche attimo e lo seguii.
Arrivata davanti alla porta del bagno,mi inginocchiai e guardando dal buco della chiave,(aveva ancora quelle vecchie serrature da dove si può vedere l’interno,che brutta invenzione le Yale) lo vidi calarsi i pantaloni e i boxer; uhaho! non me l’aspettavo, ma l’amico aveva un bel cazzo che svettava libero.
Comincio a menarselo, sicuramente pensando alla visione appena vista.
Non ho resistito, infilai una mano fra le gambe e cominciai a masturbarmi, lo feci tenendo l’occhio incollato alla serratura,venni prima di lui,osservai il suo orgasmo,aveva ancora dei bei schizzi,per la sua età.
Prima che uscisse ritornai al computer, dopo un po’ usci pure lui, alzai la testa.
“tutto bene Signor Marco come mai così rosso in viso?”.
“va tutto bene signorina Massimiliana ora va meglio, probabilmente mi è venuto un po’ troppo caldo”.
“mi chiami Liana, siamo amici no?”.
“certo, va bene Liana”.
“se ha bisogno di aiuto me lo dica”.
“grazie, ora devo andare mia moglie ha bisogno di me”.
“finisco e vengo anch’io”.
Sono passati alcuni giorni, il gioco è continuato, mi sono lasciata coinvolgere.
Ho deciso, voglio farmi il “vecchietto”,la vista del cazzo, non mi ha più abbandonato,lo sogno di notte, lo bramo, devo averlo, brutta cosa l’astinenza.
Se ancora non l’ho fatto è perché la moglie è sempre nei paraggi e poi la paura che potrebbe dirlo in giro, a questo ci penserò, più tardi, l’importante è che non ci sia la moglie.
Oramai col “vecchietto” le cose sono parecchio avanti è pomeriggio, fuori tirava un forte maestrale, la moglie era andata dal parrucchiere, come dire ore di assenza, non c’erano e-mail a cui rispondere.
A quel punto mi sono detta ”se non lo fai oggi, puoi scordartelo”; perciò approfittando che eravamo in casa da soli ho deciso di… sedurlo!
Come al solito Marco mi stava sbirciando sotto il vestito (quel giorno indossavo il prendisole) questa volta anziché far finta di niente.
“Marco, ho notato sai che mi sbirci sempre sotto la minigonna o nella scollatura, sembri parecchio interessato a scoprire come sono fatta”.
Ê arrossito,non riuscendo a dire niente,guardava verso la porta, sicuramente voleva filarsela dalla stanza.
Per non farlo scappare ho continuato a parlare.
“che ne dici se mi tolgo il prendisole?”
Nessuna risposta,no,non ti mollo amico mio, oramai il pensiero era quello,niente mi avrebbe fermato.
“così, tanto per facilitarti il compito,potrai vedermi senza dover sbirciare”
Finalmente apri bocca.
“davvero lo faresti?”
Per poco non mi misi a ridere vedendo la sua faccia mentre lo diceva.
“certo a patto che ti spogli anche tu,mi sembra equo,no ?”.
Ha fatto cenno di sì con la testa, ma non faceva nessun altro, movimento, sembrava paralizzato.
Mi sono alzata, scivolando fuori dal vestito che indossavo, sotto avevo solo un paio di mutandine molto ridotte.
Visto che lui non si muoveva di un millimetro mi sono avvicinata, iniziando a spogliarlo.
Era completamente in bambola, gli occhi non sapevano cosa guardare, se il seno o il basso ventre.
Gli ho tolto la camicia, poi i pantaloni, nessun movimento da parte sua, solo completa collaborazione, mi lasciava fare.
Senza che staccasse gli occhi dalle tette, finii di spogliarlo gli rimanevano solo i boxer.
Mi sono allontanata di qualche passo, con gli occhi fissi sui suoi; mi sono tolta le mutandine, ho lasciato guardasse per qualche minuto,girando anche su me stessa un paio di volte.
Non parlava,gli occhi sbarrati, solo il viso faceva vedere che era vivo, un colorito rosso fuoco lo testimoniava e non era abbronzatura.
Alla fine ho deciso di avvicinarmi nuovamente, inginocchiandomi davanti a lui, gli ho tolto i boxer, in questo modo mi sono venuta a trovare faccia a faccia col cazzo già duro come il marmo.
Come ho detto Marco ha circa 60 anni, ma ne dimostra meno è piuttosto basso, ha un bel ciuffetto di peli grigi all’inguine, parecchio pelo sulle gambe,sulle braccia, sul petto, insomma, un bel “vecchietto” peloso.
Ma a me interessava solo una cosa,il cazzo che non era affatto male per la sua età, beh! andiamo avanti, tutto questo era avvenuto in un silenzio rotto solo dal suo respiro leggermente affannoso a questo punto, ho alzato lo sguardo.
“lo sai che sei carino?”.
“davvero lo pensi?”.
“certo e tu non dici nulla?”.
“oh! sei bellissima! mai visto niente di più bello in vita mia !”
“grazie e cosa ti piace di me? dillo sinceramente…”.
“sinceramente, beh! ecco, quella bella figa pelosa“.
“ah ah ah va bene, la figa, sei un buongustaio”.
“e di me cosa preferisci?”.
“non lo indovini?”.
“no…”.
“che ne dici se do un bacio sulla parte di te che mi piace di più?”.
“ok, cioè, sarebbe fantastico.”.
Mi sono chinata, l’ho baciato proprio sulla punta del cazzo, sempre durissimo e completamente scappellato.
“ti piace il cazzo? davvero? perché?”
“perché è bello duro, piuttosto grosso, rugoso e con tanti peli alla base e sulle palle e poi appartiene ad una persona matura, il massimo per me,fa venire,voglia di leccarlo e succhiarlo”.
“dici davvero?”.
“sì…”.
“beh! se davvero hai voglia, non è che a me darebbe fastidio”.
Si era visibilmente rilassato,mentre scambiavamo le ultime battute,mi sorrideva,non era più rosso come poco prima.
Ho iniziato a leccarlo, succhiarlo, era sì eccitato, ma ci volle un bel po’ di tempo per riuscire a farlo venire, (ora sapete un motivo, perché preferisco i maturi) e che abbondanza, non me lo aspettavo sinceramente,anche se l’ho velocemente tolto dalla bocca, non mi piace ingoiare lo sperma, l’ho fatto qualche volta e sinceramente non ne sono rimasta entusiasta,certe amiche lo trovano sublime, beate loro.
Suonarono alla porta, fummo lesti a sistemarci, era sua sorella che veniva per fargli visita, non ci fu seguito, il giorno dopo feci ritorno a casa, ma il ricordo del Signor Marco mi è rimasto impresso nella mente; chissà che un giorno non torni da quelle parti…
Il mio solito bacio dove .. vi piace.

Bir cevap yazın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir