Dallo psicologo

Dallo psicologo
Signora Rossi. Mi parli di lei.

Dunque dottore… allora… mi chiamo Maria Rossi, ho quant’anni e vivo da sola con mio figlio.

Dov’è il padre?

È morto quando Francesco aveva due anni.

Come è morto?

Incidente stradale.

Dunque. Poco fa, lei mi ha accennato di suo figlio Francesco. Mi parli di lui.

Francesco è un ragazzo di quindici anni, molto timido ed insicuro; non ha amici, a parte suo cugino Alessandro, con la quale in rare occasioni esce; piuttosto preferisce passare tutto il giorno in casa, rinchiuso nella sua cameretta davanti al pc. Il suo comportamento mi sta facendo preoccupare.

In che senso? Crede che suo figlio soffra di depressione?

No, questo no. A casa con me, e con i parenti, è sempre molto allegro e di buon umore. Il problema se c’è, è quando si tratta di socializzare con qualche estraneo. Li si blocca e non parla.

Se con i membri della famiglia si comporta normalmente, e non da segni di depressione, non vedo da cosa deriva il suo allarmismo. Suo figlio è semplicemente un ragazzo introverso, il quale non trova interesse nel socializzare.

In effetti, non mi preoccupo del fatto che sia una ragazzo a cui piace stare sulle sue…

Mi scusi, e allora cosa la preoccupa, a tal punto da richiedere l’intervento di uno psicanalista?

Dunque… il fatto è… che… mi scusi ma è una cosa imbarazzante. Provo vergogna a parlarne…

Mi dica almeno di quale argomento si tratta?

Riguarda la sfera sessuale.

Capisco… Non abbi vergogna signora Rossi, non mi guardi come un uomo, ma veda in me solamente una figura professionale priva di sesso.

Mi scusi… allora… io penso che mio figlio sia attratto da me.

Cosa lo fa pensare?

Mi sento in colpa per quello che ho fatto.

Cosa ha fatto?

Una mattina mentre Francesco si trovava a scuola, sono entrata nella sua cameretta. Ho acceso il suo pc ,ho guardato nella cronologia e ho visto che era piena di siti porno…

Ma questo è del tutto normale, ha quindici anni.

Infatti non mi sono sorpresa di quello. Ma di cosa cercasse. Tutti i video erano a tema i****tuoso. Tra mamma e figlio…

Continui…

Poi poggiato sulla scrivania ho trovato il suo diario. E ho letto una cosa…

Cosa?

Mi scusi posso avere un bicchiere d’acqua… la ringrazio, ma ciò che ho letto mi ha veramente sorpreso…

“Quanto vorrei che mia madre si accorgesse di me, che si accorgesse che non sono più un bambino. Ancora mi chiama – bambino mio -. Sono cresciuto, ma lei non sembra vederlo. Se solo sapesse la verità… e la verità è che, amo mia mamma e vorrei farci l’amore.”

…questo è quello che c’era scritto.

A quanto sembra suo figlio prova un interesse di tipo sessuale nei suoi confronti.

Credo che la colpa sia la mia.

Si spieghi…

Sono sempre stata molto protettiva nei suoi confronti, direi addirittura morbosa. Mia sorella Anna me lo ha sempre rimproverato. – sta crescendo, lascialo andare, non è più un bambino, quello che fai tu con Francesco io non riesco a farlo con Alessandro – Alessandro il figlio di mia sorella ha la stessa età di Francesco.

A cosa si riferiva in particolare sua sorella?

Credo al fatto di girare nuda in casa e di fare il bagno insieme.

Questo fino a quando è accaduto?

Settimana scorsa quando sono entrata nella sua stanza…

Approfondiamo l’argomento… dunque lei si faceva vedere nuda da suo figlio?

Si.

E lei vedeva suo figlio Francesco nudo?

Si. Le ho detto che giravo nuda per casa e ci lavavamo insieme…

E capitava che lo vedesse… diciamo… “eccitato”?

Si spesso lo vedevo con il pene in erezione. La reputavo una cosa normale, non ci vedevo malizia. Ma poi, quella mattina… ho aperto gli occhi.

Dunque la situazione è complicata, poiché lei ha contribuito a questo crescente interesse sessuale di suo figlio nei suoi confronti…

C’è un modo per risolvere questa situazione?

Un modo ci sarebbe…

E quale? Me lo dica!

Non è molto semplice. Questo è un chiaro complesso di Edipo; ho letto molti manuale al riguardo, fu Freud il primo ad interessarsi all’argomento. Le spiego quello che Freud disse; l’attrazione sessuale di un figlio verso il genitore del sesso opposto è una fase in cui tutti noi passiamo, ma normalmente si supera da sola verso i sei anni, ma nel caso di suo figlio è diverso, lui non ha mai superato quella fase; in Francesco è ben motivato l’interesse sessuale nei suoi confronti, poiché il vostro comportamento lo ha indotto a sviluppare e accresce il desiderio sessuale. Quindi non è semplice bloccare questa fase, adesso che suo figlio a quindici anni.

Ci deve essere una soluzione.

Ci sarebbe.. ma è un metodo sperimentale , anzi non è anche un vero metodo, più che altro è solo una mia teoria, e lei sarebbe la prima a testarla. Le chiedo quindi, se è sicura di volerlo fare?

Sono disposta a tutto.

Anche assecondare il desiderio di suo figlio?

Cosa!?

A capito bene. l’unico modo per far capire a Francesco che tra madre e figlio non possa esserci una relazione amorosa e accontentarlo. Soddisfatta la sua fantasia il suo cervello sarà in grado di elaborare e riconoscere che ciò che ha fatto non era piacevole come immaginava. Ma una cosa sbagliata e non avrà mai più di queste fantasie.

Salutai il dottor Bianchi e quello stesso giorno feci come aveva detto lui. Torno a casa e Francesco sta nella sua cameretta. busso alla porta.

Francesco posso?

No mamma… aspetta…

Che stai facendo?

Nulla…

Allora fammi entrare.

No… ora non puoi…

Quanto sei misterioso. Vabbè, la mamma va a lavarsi, vuoi venire anche tu?

Cosa?… si… va bene, arrivo. Tu vai.

Apro l’acqua e comincio a spogliarmi. Francesco non tarda ad arrivare: entra giusto in tempo per aiutarmi a slacciare il reggiseno. Sento il suo pene già duro che attraverso il pantalone mi struscia contro il sedere – io entro. Tu spogliati e raggiungimi. – dentro la doccia si è stretti e i nostri corpi nudi si toccano. Francesco è alto quanto me, ha le mie tette contro il suo petto, e io ho il suo pene che sbatte contro il mio pube. È imbarazzato ed eccitato. Mi volto – potresti lavare la schiena alla mamma? – sento il suo pene tra le lo spacco delle chiappe, ma lui fa finta di nulla, come se la cosa non l’importasse. Poi è il suo turno. Gli insapono le spalle larghe, la schiena definita, massaggio le natiche dure, scendo lungo le cosce muscolose fino ai piedi, ora siamo faccia a faccia. Insapono il petto alto e largo, le braccia muscolose e l’addome ben definito. Mi chiedo quando sia diventato cosi “uomo” Prendo il suo pene tra le mani insaponandolo accuratamente fino a masturbalo vagamente. Si accorge che il movimento è cambiato. – che stai facendo mamma? – aspettando una simile domanda ho già la risposta pronta. – ti faccio una sega, amore di mamma. Agli uomini piace. – questa volta non è come le altre, percepisco il momento in modo differente, ci stavo mettendo malizia. Per la prima volta mi accordo che il pene di Francesco è come quello di un uomo, che ricordo suo padre non l’aveva cosi grosso – mamma ora smettila – eccitato non impiega molto a venire, infatti mi ritrovo con il suo sperma caldo sulla pancia – scusa mamma, non mi sono trattenuto. – ci leviamo il sapone di dosso e usciamo dalla doccia.

Ho letto il tuo diario l’altro pomeriggio.

Lo sospettavo poiché mi sono accorto che hai visitato la cronologia, dopo che ti sei dimenticata di spengere il pc. Cosa ne pensi di quello che hai letto?

Che è una cosa sbagliata. Mamma e figlio non posso fare l’amore insieme.

Perché?

Non si fa e basta è peccato. È immorale. È una cosa schifosa! È da persone malate.

Stai dicendo che sono malato?

No, non è colpa tua, è solamente colpa mia: ho fatto degli errori con te. Tu devi capire che fare l’amore con tua madre non è bello ma è una cosa schifosa e solo pensarla una cosa del genere c’è da vergognarsi. Ma ora sono pronta a rimediare.

E come?

Facendo l’amore insieme.

Non riesco a credere a quello che sto per fare. Lui è impacciato e non sa cosa fare, mi confessa, e come sospettavo, è ancora vergine. Allora gli dico che ci penso a tutto io, lui deve solo stare fermo e fare quello che gli dico. È nudo sul letto con il pene dritto, visto da qua è più pene che altro, ha davvero un cazzo grosso e penso a la beata che se lo aggiudicherà. Salgo sopra di lui, ma sono asciutta e il pene non entra. Passo la punta della lingua sull’asta, su e giù. Poi la faccio roteare attorno la cappella. Lo spompino per bene e quando è bello bagnato ci salgo sopra e lo cavalco. Questa volta entra senza trovare alcuna resistenza. Appena dentro sento una scarica elettrica dentro di me e ricordo l’ultimo che c’era entrato: tanto tempo fa. – massaggia le tette alla mamma – prendo le sue mani e le porto al seno. Poggio le mie mani sul suo petto e muovendo l’anca sento il suo grosso cazzo dentro di me. Inizio a saltellare uscendo ed entrando, mi faccio guidare da lui che ora mi tiene per i fianchi. – continua cosi, non ti fermare – mi mancava poco e sarei venuta. Mi blocca – mamma sto venendo – c’ero quasi – aspetta amore, la mamma sta vendendo – sento il suo cazzo pulsare mentre mi lascio abbandonare al piacere dell’orgasmo scordandomi di farlo uscire. Ma lui fa in tempo ad uscire scaraventandomi di lato nel letto. Vedo il suo sperma schizzare come una fontana.

Allora signora Rossi, ha fatto quello che le ho suggerito?

Si dottore.

E come è andata?

Non bene.

Perché? Suo figlio non è rimasto deluso?

Francesco si, è rimasto deluso e schifato. Proprio come aveva previsto lei.

Quindi è andata bene. non la sto capendo.

Non è andata bene perché ora sono io che sono attratta da lui. Deve sapere che Francesco ha un pene magnifico, dovrebbe vederlo.

Signora Rossi, ma cosa dice.

Mi scusi dottore, ma non so cosa mi sia successo, fare l’amore con Francesco è stato meraviglioso.

Meraviglioso?

Si.

E di tutto il discorso riguardo l’i****to che mi ha fatto l’altro giorno? Signora Rossi mi faccia il piace.

Dottore sono disperata cosa mi è successo? Sono forse malata?

Le faccio una domanda, da quanto non ha rapporti sessuali?

Da sedici anni, da quando è morto mio marito.

Capisco…

Cosa?

Lei non è malata…

E allora cosa non va in me?

Le do un consiglio. Si trovi qualcuno che la scopi!

Bir cevap yazın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir